Home > Internet > Bitcoin: cos’è e come funziona una criptovaluta

Bitcoin: cos’è e come funziona una criptovaluta

Cos’è il Bitcoin?

cosa sono bitcoin criptovalute
Esempio di moneta commemorativa.

Il Bitcoin è una criptovaluta, ovvero una moneta digitale/virtuale/elettronica che permette lo scambio di beni e servizi attraverso la rete.
Il simbolo associato a questa moneta virtuale è ₿ mentre nei siti di cambio valuta è conosciuto con il codice BTC.

Cos’è una criptovaluta?

Una criptovaluta è composta da una serie di algoritmi (programmi informatici) basati sulla crittografia che permettono di validare e gestire in maniera sicura le transazioni tra individui.
Gli algoritmi prevedono sistemi anti contraffazione e anti DDOS (attacchi volti a negare il normale servizio).
La gestione delle transazioni si basa su reti di computer distribuite e decentralizzate (Peer 2 Peer), ciò significa che non esiste un server centrale che gestisce tutto (e che può essere spento).
Ogni nodo della rete P2P contribuisce a mantenere e validare la catena e le transazioni della moneta virtuale

Quali sono le differenze e le analogie tra una criptovaluta e una moneta tradizionale?

Come per le monete tradizionali, le criptovalute devono essere in grado di assolvere tre requisiti tipici:

  • riserva di valore: ovvero è possibile risparmiare parte del reddito oggi e usarlo in un secondo momento futuro
  • unità di conto: la moneta deve essere uno strumento di misura delle transazioni economiche
  • mezzo di scambio: la moneta viene usata per acquisti di beni e servizi

Una delle più grandi differenze tra una moneta tradizionale e una criptovaluta è quella di essere decentralizzata, ovvero non gestita da una banca centrale o da uno stato.

Dove mettere i bitcoin? Il wallet/portafoglio virtuale

I bitcoin, come le altre criptomonete, hanno bisogno di un portafoglio (detto anche in inglese wallet) dove vengono mantenute le chiavi per trasferire denaro virtuale.
Più precisamente il portafoglio non è altro che un software che colleziona e tiene al sicuro delle chiavi crittografiche pubbliche e private.
Le chiavi pubbliche servono per dimostrare la legittima proprietà del bitcoin al momento della transazione.
Le chiavi private invece (che devono essere custodite gelosamente) servono per firmare/autorizzare i pagamenti.
Perdere queste chiavi significa perdere la possibilità di eseguire transazioni, quindi di fatto si perdono i bitcoin associati a questo portafoglio (un pò come perdere il portafoglio per strada).
Farsi rubare queste chiavi significa dare la possibilità a terzi di fare acquisti con il nostro portafoglio (l’equivalente di un furto o uno scippo).

Come proteggere il proprio wallet bitcoin

Come anticipato precedentemente, i problemi più comuni sono la perdita dei dati, dovuti ad esempio dalla rottura del dispositivo che contiene il portafoglio (hard disk, chiavetta usb, cellulare..) e al furto delle chiavi.
Per ovviare a questi problemi è possibile creare dei backup del portafoglio e cifrare a sua volta il portafoglio (un pò come metterlo in cassaforte).

Portafoglio bitcoin cartaceo

Può suonare strano ma è possibile creare dei portafogli cartacei per monete virtuali. Esistono dei software che generano delle chiavi private e pubbliche stampabili. Essendo chiavi composte da stringhe di lettere e numeri molto lunghe, viene fornita una versione QRCode dei codici, che si scannerizzano con il cellulare in pochi attimi.

bitcoin wallet portafoglio cartaceo bitaddress ciaobit

Comprare bitcoin

E’ possibile entrare in possesso di bitcoin vendendo dei beni o servizi in cambio di criptovaluta oppure attraverso dei siti che effettuano cambio Euro/bitcoin e viceversa.
Questi siti di scambio si chiamano per l’appunto Exchange.
Il valore del bitcoin rispetto all’euro è dato dalla domanda e dall’offerta che muta in continuazione.
Attualmente il valore del bitcoin è molto altalenante, entrano in gioco variabili come ad esempio:

  • le moderazioni degli stati come l’America, Cina, Russia..
  • Il numero e la mole dei venditori che accettano questo metodo di pagamento
  • le dichiarazioni dei media o più in generale la percezione che hanno gli internauti titolari della criptovaluta.

Ma questo articolo vuole incentrarsi su come funzionano a livello informatico i bitcoin e più generalmente le criptovalute. Non è certo nostra intenzione entrare in argomenti di finanza e politica che per quanto affascinanti non ci competono.

Quali sono le alternative al bitcoin?

Di criptovalute se ne ipotizzava già l’uso nel 1998, tuttavia il bitcoin è stato teorizzato nel 2008 e lanciato nel 2009 ed è stata la prima criptovaluta con un successo a livello globale. Da allora sono nati diverse criptovalute ispirate più o meno al bitcoin. Ad esempio troviamo:

  • l’Ethereum
  • Litecoin
  • Ripple

 

Riguardo Matteo Dalle Feste

Web Designer e Developer presso una nota testata giornalistica sul turismo. Appassionato di domotica, nel tempo libero, cura la realizzazione sia hardware che software di piccoli progetti domotici fai da te.

Guarda anche

configurazione router modem adsl telecom infostrada tiscali fastweb teletu

Parametri adsl telecom wind infostrada tiscali fastweb teletu

Hai comprato un modem nuovo e non sai come configurarlo? Ecco una tabella molto utile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *